Guerra dello streaming: chi vincerà?

Sempre più spesso quando si parla di streaming i commentatori mettono in evidenza la competizione che in questi anni corre tra Netflix ed Amazon. I due colossi americani sono impegnati in investimenti miliardari e se, da un lato innalzano sempre di più la qualità dei contenuti prodotti, dall’altro propongono abbonamenti sempre più convenienti ed accessibili.

C’è una profonda differenza tra i due player SVOD (Subscription Video On Demand): se la produzione di contenuti in streaming è il core-business di Netflix, che investe tantissimo in produzione di serie e film proprietarie (Narcos, Orange is the New Black, Stranger Things sono le più popolari),  Amazon piuttosto crea contenuti con l’obbiettivo di ampliare la propria offerta Prime senza però farne il perno della propria strategia commerciale.

Un comune denominatore tra i due player è la crescente capacità di raccogliere dati sulle abitudini e le scelte dei consumatori e ci si domanda sempre di più se queste informazioni verranno utilizzate in un futuro non troppo lontano per l’advertising, seguendo il fortunato modello Zuckerberg. Di sicuro la capacità di profilazione è un enorme vantaggio sui  competitor satellitari e via cavo, che consentirà sempre di più ad Amazon e Netflix di calibrare sempre meglio la propria offerta di prodotti.

Gli addetti ai lavori segnalano che il mercato sta sempre più nella direzione di una maggiore specializzazione nella produzione di contenuti da parte dei servizi di streaming, anche se è difficile per ora individuare delle linee editoriali così chiare e definite. In questo senso sarà molto interessante vedere quale sarà il contributo di Disney che a brevissimo lancerà il suo portale di streaming. Certo non è difficile prevedere che la vastissima library di contenuti già a disposizione (con in testa franchise come Star Wars, Marvel, Pixar) le darà un grande vantaggio nella conquista dell’ambitissimo target family, un territorio relativamente frequentato dai competitor ed in cui la supremazia di Disney è fuori discussione.

Questo è solo uno dei temi che verranno trattati durante i due master della Wepromo Academy. Clicca qui per scaricare i programmi dei corsi,

More Insight

Marketing cinematografico: qualche idea per riportare le persone in sala

Il 2018, per il cinema, è stato un anno da dimenticare: con 555 milioni di euro (e 85 milioni di presenze) si tratta del record negativo in termini di incassi dell’ultimo decennio, si è fatto peggio anche rispetto ad anni horribili come il 2014 e il 2017. Nello specifico, confrontando i dati del 2017, si […]

22/03/2019

IL RE LEONE: storia di un successo

La nuova versione de Il Re Leone in CGI si è rivelata un grande successo grazie alla importante campagna promozionale messa in atto da Disney. Vediamo  nel dettaglio come è stato costruita e cosa ha funzionato meglio.

23/09/2019